www.mario-roccato-opere.it

Vai ai contenuti








           Stralci da un pensiero mai concluso




SEDICI POESIE SCELTE

"Essere letti dà la stessa gioia del bere un vino
colore del rubino, spaccato dal sole
di un tramonto estivo,
quando la stagione ha già dato ogni frutto".
"Sissi è stata la mia cavalla. Minù la mia gatta.
Tutti i miei amori, loro si leggeranno".




LETTERA A DICEMBRE

..."Cade già qualche piccolo fiocco gelato: dalla densità del cielo, questa sarà una grande notte.
Da sempre, ho colloquiato con il cielo. Abbiamo spesso, insieme, colloquiato con il cielo. Ricordi?..."




PER UN NOSTRO NATALE

Se fosse in musica, sarebbe un "improvviso".
Così, è un ricordo, una confessione, un piccolo gesto d'amore.
                                                            a G.



LA BELLA CASTORINA

"Qui, guardando le stagioni trascorse e trascorrenti del mio giardino, il reale dovrebbe per me decadere, come un dire impossibile, in attesa di una vecchiaia veloce; ma così non è stato (fortuna, o condanna) perché ho volato "oltre, là" dove scorre un Ruscello di Bosco,
dove Querce Antiche raccolgono la saggezza di Mondo dove
una breve, luminescente storia d’amore
attraversa Tempo, l’incalcolabile."

Qui sotto, un breve stralcio audio dell'opera.



RACCONTI DI VOLPAIA

Un racconto brevissimo dal cuore del Chianti.



LA MEMORIA DELL'ATTORE

"Non vi è molto da dire, su questo scritto che mi ha impegnato forse da un giorno lontano, ma il cui parto è durato pochissimo, solo qualche giorno ultimo di travaglio.
 
Rileggendolo mi stupisco, perché in queste righe ho messo un po' dei volumi interi del mio sapere, eppure non raccolgo nulla.  
 
Sì, mi sento un poco vuoto, ora, forse come una madre che ha partorito ed ora si chiede – già – di un'altra creatura.
 
Ma i figli si fanno per lasciarli scorrazzare il mondo, e dunque non ho ripreso la penna per aggiungere alcuna nuova riga, là dove ciò che è nato è per me già meraviglia, prima ancora che essere mistero.
 
Non c’è molto da leggere, qui.  
 
Forse, è solo da sentire dentro.  
 
Un silenzio."
 



IL GIOCO DELLE CARTE VINCENTI

"Il vivere visto come un gioco molto serio, in un eseperimento paranormale
tra la Fisica Quantistica e il pensiero del'antico Zen"
 


IL NULLA E L'ESSERE DELL'AMORE

Suggerimenti filosofici per un'indagine abissale.




LETTERA DA MONTECATINI TERME

"... Vorrei ritrovare, qui, fra quindici anni lo splendido sorriso che mi è entrato dentro.
Se succedesse, sarebbe tremendo. Ma lo vorrei comunque: con lei, la morte, è necessario essere chiari e coraggiosi.
E poi, in questo ultimo sole, chissà che tu non mi stia un
po’ pensando: e basterebbe questo, forse, per affrontare la notte..."


(il testo in PDF)                                    




IL SINGOLO E IL "SI DICE"

Alla ricera di noi stessi liberandoci dalla menzogna delle idee dominanti.
Con un'analisi sulle più ricorrenti menzogne umane.





               (il testo in PDF)


      VISIONI DALLA FILOSOFIA

“Il sorriso forse è, il luogo degli dei.
Non vi fu mai né bene né monte,
lassù sul monte più alto
dove essi dimoravano tra le nubi mosse dal vento
costante di mare.”
(dal paragrafo “Il sorridere”)




IL PARADOSSO DELL'AMORE

Le mie conclusioni filosofiche: dalla
la pura intuizione dell'esserci delle cose
alll'analisi del conceto di tempo,
sino ai paradossi della ragione e al concetto di "attimo fuggente".
Un saggio per filosofi, ma leggibile anche dai non addetti ai lavori.

Sul fondamento di queste argomentazioni
ho poi pensato, scritto e diretto il film
"Scrivere un amore" (vedi pagina a seguire).


(il testo in PDF)                                                                               




SCRIVERE UN AMORE

E' un film (1h 20').
L'amore, la disillusione, la morte.
E il trascorrere di un attimo che ci parla, di sè, senza pretendere alcun senso.










PER TUTTI I CONTENUTI

vedi anche
                                                               
Torna ai contenuti